Vai direttamente ai contenuti

Benvenuto nel nostro negozio

humidity for plants

Umidità per le piante

L'umidità in una stanza di coltivazione è forse il fattore di crescita più sottovalutato. Usiamo l'umidità relativa RL come unità per misurarla e apportare modifiche.
Un'aria secca accelererà l'evaporazione dell'umidità dalle foglie, mentre un'aria molto umida la ritarderà. Una pianta deve sempre far evaporare un po' d'acqua in modo che ci sia spazio nella pianta per nuova acqua proveniente dal mezzo in cui si dissolvono le nuove sostanze nutritive.
L'impianto è come una pompa che funziona grazie all'energia solare. Tuttavia, se l'umidità relativa attorno alla pianta è troppo bassa, la pianta evaporerà più di quanto possa assorbire e subirà un disturbo della crescita e alla fine potrebbe seccarsi.
Se l'umidità attorno alla pianta è estremamente elevata, alla fine la pianta crescerà poco.

Un equilibrio in questo è quindi molto importante.

Le piccole talee hanno ancora pochissime radici e quindi non possono assorbire molta acqua. Per effettuare un taglio forte è necessaria un'umidità dell'80% nella sala taglio.
Se l'umidità intorno al taglio è troppo bassa, il taglio vaporizzerà rapidamente nell'acqua senza essere in grado di assorbire nuova acqua.


Nelle prime 3 settimane di coltivazione si deve avere un'umidità per le piante pari a circa il 70% - 80%.
Successivamente, fino alla sesta settimana circa, l'umidità ottimale per le piante è del 60%. Dalla settima settimana in poi abbassiamo nuovamente l'umidità per le piante, ma non al di sotto del 40%.

Al di sotto del 40% l'evaporazione avviene molto velocemente, rendendo molto difficile per la pianta ottenere nuova umidità in tempo. La pianta chiuderà gli stomi con conseguente arresto della crescita e della fioritura. E i tempi di inattività vanno sempre a scapito dei proventi.